Napoli, via Francesco Caracciolo, 14
Prenotazioni 081 669040

Correzione incurvamenti penieni

Correzione chirurgica degli incurvamenti penieni con tecniche di corporoplicature e di corporoplastica

Gli incurvamenti penieni si distinguono in congeniti quando legati ad un disarmonico sviluppo delle varie strutture che costituiscono il pene (curvature o griposi congenite) e si manifestano molto spesso in epoca pubere o pre-pubere. Gli incurvamenti,poi, possono essere secondari quale conseguenza di fenomeni fibrotici dei corpi cavernosi in quella che è definita Malattia di La Peyronie (MP) o Induratio Penis Plastica (IPP).

Fino a quanto una curvatura può dirsi fisiologica?

Curvature fino ai 30° possono essere considerate fisiologiche. Si interviene chirurgicamente quando il raggio di curvatura supera questa soglia oppure quando, indipendentemente dal grado di curvatura questa interferisce con la normale attività sessuale del soggetto.

Quali sono le tecniche chirurgiche?

Le tecniche chirurgiche correttive sono diverse: per quelle congenite si può praticare una corporoplicatura cavernosa, una Corporoplastiche secondo Nesbit o una C. secondo Yachia, le ultime due tecniche prevedono multiple incisioni e suture della tuinca albuginea. Per le curvature secondarie a malattia di La Peyronie, in alternativa alle suddette tecniche è possibile la rimozione della placca (quando non supera i 2cm) con innnesto di patch di derma suino liofilizzato (membrana Tecnoss). Tutte queste tecniche consentono il recupero totale della forma peniena consentendo una normale attività sessuale.

Qual’è la durata media dell’intervento?

La durata dell’intervento è variabile dai 30 minuti alle 2 ore a seconda della tecnica utilizzata e a seconda della complessità del caso,e possono essere effettuate con un’anestesia locale o loco-regionale in regime di Day-Hospital.